Casanova di Neri – Brunello di Montalcino – Brunello di Montalcino DOCG – 2015 – Vino Rosso

Vino Rosso
Sapore: Prugna, Mirtillo, Spezie dolci, Erbe aromatiche
Vitigni: Sangiovese 100%
Gradazione: 14,5 %
Formato: 0,75 L

46.00

Esaurito

toscana
Spedizioni gratuite Spedizioni gratuite in Italia per ordini superiori a 150€
Pagamenti sicuri Pagamenti sicuri al 100%
Spedizioni gratuite Consegna veloce in 24/48 ore
Servizio clienti Servizio clienti +39 0575 52 70 87

Scheda tecnica

Produttore: Casanova di Neri
Denominazione: Brunello di Montalcino DOCG
Paese: italia
Regione: Toscana
Formato: 0,75 L
Vitigni: Sangiovese 100%
Da agricoltura: Tradizionale Biologica
Sapore: Prugna, Mirtillo, Spezie dolci, Erbe aromatiche
Affinamento: 43 mesi in botte grande
Temperatura di servizio: 18°-20° C
Decantazione: 5 - 20 Anni
Calice: Calice Piccolo
Allergeni: Contiene Solfiti
Gradazione alcolica: 14,5 %

Note degustative:

Il Brunello di Montalcino 2015 di Casanova di Neri ci colora il bicchiere di un intenso e ricco rosso rubino. Il naso è decisamente complesso, con note fruttate di prugna matura, ciliegia e mirtillo selvatico cui segue una netta nota floreale di viola. Il corredo aromatico è completato da note di spezie dolci, erbe aromatiche, cioccolata e sentori minerali. L’assaggio è setoso e succoso di una freschezza vibrante, con un tannino non invasivo seppur ancora giovane. Un vino perfettamente centrato, di grande persistenza e finezza.

Perché ci piace:

Casanova di Neri ci ha ormai abituato ad un’eccellenza senza eguali e il Brunello di Montalcino 2015 DOCG non fa assolutamente eccezione. Potente, deciso, strutturato ma al contempo setoso e vellutato, mai invasivo e con una dolcezza interna perfettamente equilibrata e suadente. Questo Brunello di straordinaria classe nasce dai vecchi vigneti della proprietà di Casanova di Neri sulle colline di Montalcino da uve vendemmiate e selezionate manualmente. La fermentazione parte spontaneamente senza utilizzo di lieviti aggiunti con frequenti follatura durante i 25 giorni di macerazione. Il vino poi affina per 43 mesi in botte grande e ulteriori 6 mesi in bottiglia. Quello di Casanova di Neri è certamente tra le più importanti espressioni del Brunello di Montalcino DOCG, un grande classico dalle mille sfaccettature, di cui ogni sorso invita ad un nuovo assaggio. Allo stesso tempo ogni volta che lo facciamo ci fa anche rendere conto del grande potenziale che questo vino ha nello sviluppo negli anni, quindi pazientando un po’ riusciremo ad assaggiare un prodotto ancor più straordinario. intenso; un vino che più che di potenza si fa vanto di una bellezza quasi femminile, suadente e affascinante. Questo Brunello di straordinaria classe nasce dai vecchi vigneti della proprietà di Casanova di Neri sulle colline di Montalcino da uve vendemmiate e selezionate manualmente. La fermentazione parte spontaneamente senza utilizzo di lieviti aggiunti con frequenti follatura durante i 25 giorni di macerazione. Il vino poi affina per 43 mesi in botte grande e ulteriori 6 mesi in bottiglia. Quello di Casanova di Neri è certamente tra le più importanti espressioni del Brunello di Montalcino DOCG, un grande classico dalle mille sfaccettature, già ottimo da assaporare adesso e che saprà regalare grandi assaggi anche tra molti anni.

Abbinamenti

Il Brunello di Monalcino di Casanova di neri si abbina a primi a base di carne e di funghi e secondi di terra con carni rosse.

Recensioni e valutazioni

Il produttore

Casanova di Neri
pagina produttore
La storia di Casanova di Neri parte nel 1971 grazie a Giovanni Neri che, partito da Montevarchi come mercante di grano, acquista l’estesa tenuta di Podere Casanova a Montalcino con un unico obiettivo: creare un Brunello di Montalcino di grande qualità. L’attuale Denominazione Brunello di Montalcino DOCG, all’epoca ancora DOC, era nata solamente 4 anni prima e vedeva in quegli anni appena 30 produttori, contro i 250 di oggi. Un grande lavoro di recupero e reimpianto dei vigneti porta finalmente, nel 1977, a veder imbottigliato il primo vino di Casanova di Neri, un vino che oggi chiameremmo Rosso di Montalcino che però all’epoca verrà chiamato solamente “Vino rosso dai vigneti di Brunello”. È l’anno successivo che inizia la vera e propria storia del Brunello di Casanova di Neri, ha luogo infatti la prima produzione di Brunello, “L’etichetta Bianca”, dalle vigne intorno all’attuale cantina. Il 1981 vede la prima vendemmia a Cerretalto, vigneto acquistato nello stesso anno da Giovanni Neri, che si dimostrerà negli anni capace di regalare vini straordinari grazie alla sua composizione ed esposizione eccellenti. Nel 1991 è il figlio Giacomo che succede al padre nella guida dell’azienda portando la cantina verso nuove vette di eccellenza, sia con la messa in opera del “Tenuta Nuova”, il terzo brunello dell’azienda che grande successo riscuoterà a livello mondiale, sia con la produzione di un vino non a base sangiovese, il “Pietradonice”, dall’omonimo vigneto acquistato nel 1994 coltivato con cabernet sauvignon. La qualità dei vini prodotti sale di anno in anno, di vendemmia in vendemmia fino a raggiungere la vetta del mondo nel 2006, quando Wine Spectator annuncia che il Brunello di Montalcino Tenuta Nuova 2001 è stato eletto Wine of the Year, il Vino dell’anno. Dall’anno seguente inizia una lunga serie che vede le annate 2006 e 2010 di Tenuta Nuova e le annate 2007, 2010 e 2015 di Cerretalto, il Brunello “di punta” dell’azienda, premiate con i prestigiosi 100/100 delle più importanti riviste di critica enologica. L’azienda oggi conta circa 65 ettari vitati dislocati su sette magnifici vigneti dislocati in diverse zone della parte orientale della denominazione. Questa diversità di terroir ed esposizione crea vini dalla grande unicità espressiva, figli di un terreno fortemente vocato alla viticoltura, del perfetto lavoro dell’azienda e della grande passione che viene messa in ogni singolo gesto che accompagna il vino dal grappolo alla bottiglia. Casanova di Neri ha creato nei suoi 50 anni di storia sempre vini potenti e allo stesso tempo di grande eleganza, con radici che affondano nella tradizione ma estremamente contemporanei, sempre riconoscibili e apprezzati a livello globale. Un riferimento assoluto a Montalcino.